Avventura completata, al momento, per Dion Sheqiri con la sua Nazionale del Kosovo: impegnato nell’European Challenger Under 20 della scorsa settimana (19 - 26 luglio) il pivot di proprietà di Trieste ha avuto modo di disputare tre incontri difendendo i colori della sua patria in quel di Sopron (Ungheria). 

 

Cinque sconfitte in altrettanti incontri per la giovane nazionale balcanica, che ha iniziato soccombendo con la Bielorussia (101 - 60 il risultato finale), per poi affrontare i padroni di casa dell’Ungheria: 46 - 92 a favore dei magiari nella seconda gara della fase a gruppi, mentre nell terzo match il Kosovo ha resistito maggiormente contro la Slovacchia, pur se è arrivato un altro rovescio (81 - 64 al 40’). 

Zero minuti contro il Lussemburgo per Sheqiri, ma contro la Romania (sconfitta 88 - 93), ecco un minutaggio più congruo sul parquet, che ha permesso al lungo biancorosso di accalappiare 6 rimbalzi, servire 4 assist e rubare 3 palloni. 

 

Per Sheqiri, pivot di 209 centimetri per 113 chili classe 2003, sicuramente un’esperienza importante ad un livello internazionale che sta contribuendo al suo percorso di crescita: “E’ stata certamente una bellissima parentesi - queste le parole di Dion -; giocare contro i più “grandi” significa sempre potersi misurare con situazioni che ti mandano fuori dalla tua zona di comfort e, nonostante i risultati, possiamo dire di essere soddisfatti. La prossima avventura sarà con la Under 18, dove avremo maggiori possibilità e metteremo a frutto quanto imparato”.

 

Delia da Tokyo: Doncic dominante, ma ora siamo pronti per la Spagna
Trieste Basket rilancia l'attività: "Sport risorsa del territorio"