Proseguono a pieno ritmo gli allenamenti della nuova Allianz Pallacanestro Trieste che si è ritrovata per iniziare il terzo giorno di preparazione. Anche oggi seduta doppia per i ragazzi di coach Dalmasson, impegnati nella mattinata in un lavoro di condizionamento con il prof.Paoli per concentrarsi poi nel pomeriggio su degli esercizi con il pallone. 


Tra i "veterani" in biancorosso spicca un motivatissimo Matteo Da Ros, convinto come non mai della necessità di trovare da subito l'amalgama giusta del gruppo per puntare in alto:
"Le prime sensazioni sono positive. Stiamo lavorando egregiamente e con il sorriso, nonostante l'assenza per ora degli americani e le difficoltà dettate dalla situazione. Ovviamente le gare agonistiche mancano a tutti, ma abbiamo appena iniziato un percorso per cercare di arrivare pronti alla Supercoppa e successivamente alla prima di campionato. L'ambizione personale di ognuno deve essere quella di mettersi a disposizione della squadra e dello staff. Dobbiamo cercare di trovare nel più breve tempo possibile quell'amalgama che è tanto mancata lo scorso anno.
Ho visto poca NBA per ora, ma volendo fare un parallelismo anche là ho visto tanta difficoltà nel riprendere ritmo, agonismo e feeling con il gioco. Giocare a porte chiuse diminuisce la competitività e annulla il fattore campo, che è quello che ci ha sempre sostenuto. Come dissi ai ragazzi (i tifosi che attendevano fuori dall'Allianz Dome) dopo la partita contro Pistoia del 7 marzo, non è la stessa cosa senza di loro".

Nel frattempo ha terminato ieri il periodo di quarantena DeVonte Upson, che potrà dunque aggregarsi al gruppo da lunedì. Oggi ha voluto comunque conoscere i compagni di squadra e i membri dello staff.


La squadra osserverà un giorno di riposo domani per poi tornare in campo lunedì mattina.

 

Inizia la preparazione. Fernandez: "Cerchiamo da subito la chimica giusta"
Doppia seduta di allenamento e Upson in gruppo: "Voglio vincere per la città"